Benvenuti Da....

LINUX

LINUX
The world Linux

Ecco Hitman su Ubuntu.

Ecco Hitman su Ubuntu  compresi 3000 giochi.

Feral Interactive, software house inglese che da qualche tempo si occupa del porting di videogame più o meno famosi su piattaforma Ubuntu e Steam OS, non si ferma mai e l’ultimo regalo che ha deciso di fare agli utenti pinguinati è la prima stagione completa del famosissimo gioco stealth Hitman, recentemente rilasciata anche per tutte le altre piattaforme.

La serie, composta da 6 capitoli, è adesso disponibile per Ubuntu 16 e Steam OS (il sistema operativo a base Debian utilizzato principalmente dalle Steam Machine, le console di Valve) sia per GPU Nvidia che AMD.

I requisiti minimi per far girare il gioco sono particolarmente onesti:

1) CPU Intel Core i5-2500K 3.3GHz

2) 8GB di RAM

3)70GB di spazio disco

4) GPU Nvidia GeForce GTX 680 (2GB) – Driver version 375.26 oppure AMD R9 270X (2GB) –

5)Driver version Mesa 13.0.3

Purtroppo le GPU Intel non sono supportate dal gioco, il cui acquisto è disponibile tramite Steam, la piattaforma di acquisto videogame più famosa al mondo, mentre qui troverete tutte le informazioni che cercate.

Negli ultimi anni le cifre inerenti al gaming su Ubuntu hanno raggiunto entità completamente inaspettate, considerando che fino a 4 anni fa i giochi disponibili per gli utenti Ubuntu non superavano la cinquantina.
Evidentemente l’interesse nei confronti del settore videoludico sta crescendo in maniera esponenziale nel mondo di Linux, anche considerando i tempi di questa crescita: per esempio fino a Settembre scorso i titoli disponibili erano intorno ai 2.000, il che sta a significare che in circa sei mesi un migliaio di titoli sono stati aggiunti al catalogo-

Un’altra sostanziale differenza rispetto al recente passato è l’importanza dei titoli disponibili, siamo passati da titoli minori e indipendenti a veri e propri Tripla A, quali Tomb Raider, Hitman, DiRT Rally, Warhammer e Civilization VI, solo per citarne alcuni.
Buona parte del merito di questa esplosione è certamente da dare a Gabe Newell e alla nascita del progetto Steam OS, che registra numeri interessanti, abbastanza da restare in vita, quantomeno.


Hitman

Skype su Linux.

Skype su Linux Continuerà.

Di recente molti utenti di Linux, si sono domandati se Skype funziona ancora, per via degli ultimi aggiornamenti che non sono stati fatti, anche per le varie novità di skype dove permettono di fare le chat di gruppo e molte altre cose.

Alcune informazioni sono venute fuori che Skype continuerà a stare su Linux vediamo come:

La settimana scorsa alcuni utenti del vecchio client Skype per Linux (non Skype for Linux alpha) si sono visti recapitare un e-mail che sosteneva che dal 1 Marzo il supporto al client sarebbe cessato, e che era necessario aggiornare alla versione più recente. Ovviamente l’app, come sapete, non viene aggiornata da anni e non esiste alcuna nuova versione.

Ecco un breve sunto della mail incriminata: ‘…functions may stop working correctly on these older builds’.

Oggi però è stato ufficializzato che quella mail è stata inviata per errore e il funzionamento del servizio non è in pericolo. Le notizie in realtà non sono così benevole come sembra. Insieme alle scuse per l’errore si legge anche che in un futuro non troppo lontano le vecchie builds smetteranno di funzionare, questa volta per davvero. Speriamo che ciò avvenga il più tardi possibile visto che il tasso di adozione del client tra gli utenti Linux è ancora molto elevato.

La cosa che ha lasciato un po’ di stucco è stato il tempo necessario per fornire questa rettifica, più di una settimana. Non credo sarebbe stato un problema per la compagnia avvisare in tempi più brevi, magari uno o due giorni dopo.

Skype

Per saperne di più su Linux=https://www.facebook.com/groups/416785168484322/









LinuxPcubuntu downloaditalian




Come si Installa Ubuntu.

Vediamo come si installa Ubuntu.

Hai fatto il grande passo: hai deciso di usare Linux. Per lo meno, vorresti vedere un po’ come si fa, e poi decidere se abbandonare gli altri sistemi operativi, tornare di corsa a loro, oppure utilizzarli tutti insieme appassionatamente. Ci sono vari modi per installare Linux in un PC, ma se sei all’inizio il consiglio è di puntare a un’installazione reversibile. Che ti permetta, cioè, di tornare sui tuoi passi in modo veloce e indolore. A questo punto, le scelte essenziali sono due: “Live” o in un ambiente virtualizzato.

Per antonomasia, la distribuzione Linux dedicata ai meno inesperti, a quelli che vogliono vedere come funziona Linux ma non sanno da che parte iniziare, è Ubuntu. Esistono altre distribuzioni anche più semplici, e a tal proposito ci sono varie scuole di pensiero, ma è innegabile che Ubuntu sia quella più diffusa e meglio supportata. Il tuo primo viaggio in Linux, dunque, parte dal download di Ubuntu. Visto che siamo italiani, per effettuarlo vai nel sito della grandiosa comunità italiana, su Ubuntu.

Una volta qui, clicca su Download. Nella pagina successiva lascia impostato tutto com’è, fai solo attenzione al fatto che la versione sia a 32 o 64 bit. E poi clicca su Avvia il download. Parte lo scaricamento del file: impiega qualche minuto, a seconda della tua connessione, perché si tratta di quasi un gigabyte. Al termine, ti ritrovi con questo bel file di tipo ISO, cioè un file “immagine” che contiene tutto il necessario per installare Ubuntu.

Adesso, se non hai un programma di virtualizzazione, scaricane uno. Per esempio VirtualBox: vai su VirtualBox, clicca su download e scarica la versione più adatta al sistema operativo che utilizzi (è gratuita). Fatto questo, installala e avviala. Dalla finestra principale di VirtualBox clicca su Nuova, quindi scrivi un Nome (per esempio Ubuntu), in Tipo seleziona Linux e in Versione imposta Ubuntu, a 32 o 64 bit a seconda della versione che hai scaricato poco fa.

Clicca su Avanti, per due volte. Poi, clicca su Crea, su Avanti, ancora su Avanti e poi su Crea. Adesso clicca su Impostazioni, poi su Archiviazione e, in corrispondenza di Controller: IDE, clicca sulla voce Vuoto.

In Attributi, clicca sull’icona del disco e seleziona Scegli un file di discoCD/DVD virtuale. Quindi, seleziona il file ISO scaricato poco fa. Ora clicca su Ok. Dalla finestra principale, adesso non ti resta che cliccare su Avvia. Qualche decina di secondi, e Ubuntu è belo che pronto davanti ai tuoi occhi. Nell’elenco di lingue seleziona Italiano.

Se vuoi fare una prova veloce, clicca su Prova Ubuntu, altrimenti scegli Installa Ubuntu. In questo caso, però, niente paura: Ubuntu sarà installato in una porzione di memoria che non inficia gli altri programmi installati nel tuo computer. Già con Prova Ubuntu, comunque, hai modo di vedere che gran bel pezzo di sistema operativo è Ubuntu.

Ubutnu

Per saperne di più su Linux=https://www.facebook.com/groups/416785168484322/









LinuxPcubuntu downloaditalian




Il potente PC.

Il potente PC da Inserire sia Windows che Linux.

Oggi presenteremo il Pc Potente il computer che usa sia con Linux che con Windows. "Uso principalmente Gentoo Linux da almeno 10 anni, ma mantengo la partizione Windows (adesso 10) per giocare. Pertanto su Windows ci sono solo Steam, Uplay e il gioco di turno a cui sto giocando in questo momento".

"Su Linux invece trovano spazio ogni genere di tool, dalla grafica amatoriale a servizi web per gestire e accedere al PC ovunque mi trovo (Apache, SSH, Sonarr, Deluge, Nextcloud), mentre come soluzione multimediale sto usando con piacere Kodi. Quando possibile gioco anche su Linux, ad esempio a Team Fortress 2".

In precedenza Andrea aveva un PC basato su un Core i7-920, che però iniziava a mostrare i segni dell'età. Così il lettore ha pensato di fare un PC da zero, compatto ma potente.

"È anche estremamente silenzioso dato che una delle ventole interne, la ventola dell'alimentatore e quelle della VGA, entrano in funzione solo quando si raggiungono temperature da gioco. Le ventole del sistema a liquido si regolano in base alla temperatura, mentre l'unica ventola al 100% tutto il tempo è quella in immissione (sul frontale) in modo da generare una pressione positiva all'interno del case e cercare di mantenere fuori la polvere".

Per la sua configurazione Andrea ha selezionato un case Phanteks Enthoo Evolv ITX, optando per l'accoppiata Asus Z170i Pro Gaming / Core i5-6600K e 32 GB (2 x 16 GB) di memoria DDR4 Corsair Vengeance LED a 3000 MHz. La scheda video è una Gigabyte GTX 1060 Windforce OC 6GB, mentre l'alimentatore è un EVGA Supernova GQ da 650 watt. Due SSD e due hard disk si occupano dell'archiviazione.

Per quanto concerne il raffreddamento, ha optato per un Corsair H100i V2, mentre la ventola in espulsione sulla parte posteriore è una Thermaltake Riing 14 LED Red. "Ho fatto un test con Prime e le temperature si attestano sui 70 gradi circa. Ho anche overcloccato la CPU a 4,5 GHz senza problemi di stabilità. Potrei alzare a 4,8 GHz, ma mi sembra superfluo al momento".

Il PC Potente

Per saperne di più su Linux=https://www.facebook.com/groups/416785168484322/









LinuxPcubuntu downloaditalian




 

Cos'è Ubuntu Software Libero.

Cos'è Ubuntu Software Libero?.

Ubuntu Software Libero sarebbe un Blog che riguarda il Mondo di Linux, anche se ci sono alcuni argomenti che conosciamo già o abbiamo già letto, dove ci sono delle novità per far affacciare le persone in questo fantastico mondo.

In molti siti ne parlano di Linux però tendono a parlare solo di alcune distribuzioni non tutte, in questo Blog parliamo di tutte le distribuzioni senza discriminazione tra l'uno e l'altra.

Perché il nome "Ubuntu Software Libero" questo nome ha un significato molto importante, dato che riguarda Linux, nel dettaglio sarebbe uno slogan dove: Ubuntu: è uno dei sistemi più noti e semplici da usare, Software: dove ci sono all'interno programmi ma anche sistemi (quindi distribuzioni), Libero: che è una cosa libera quindi di Libertà

All'interno del sito troviamo diverse cose interessanti, tra cui le varie Iso da scaricare, i vari forum e siti per documentarsi meglio sulle varie distribuzioni, non dimentichiamoci i Riferimenti ai Wikipedia e gli aggregatore di siti, dove ci sono diversi siti che parlano di Linux.

Non dimentichiamoci che in ogni articolo che io posto compare il link del gruppo: "Distribuzioni Linux in Italia" è un gruppo creato da me, dove i più appassionati e più esperti tra loro collaborano per aiutare le persone ad affacciarsi su Linux e risolvere eventuali tematiche e problemi.

Nel gruppo al suo interno c'è scritto: "Questo gruppo nasce per discutere tematiche riguardanti il mondo Linux, risolvere possibili problemi o incertezze, sia in fase di installazione sia nel mantenimento della propria Distribuzione. Potrete inoltre sponsorizzare le vostre creazioni: un vostro programma, una vostra remix, lo screenshot del vostro desktop,...

Questo gruppo non discrimina nessun Sistema Operativo e sopratutto di collaborare insieme come un Team, in quanto ognuno possiede pro e contro, è possibile discutere e paragonare i vari OS nei limiti del rispetto reciproco e dell'educazione.

E' in oltre presente un area file dove verranno pubblicate periodicamente delle guide e del materiale che può essere utile per tutti.

In aggiunta parleremo là dove iniziò il tutto, il padre di Unix: Multics.

In questo gruppo non sono ammessi pubblicità di altri gruppi.
Buona e cordiale permanenza del gruppo,
lo Staff."

Ubuntu Software Libero
Distribuzioni Linux In Italia

Per saperne di più su Linux=https://www.facebook.com/groups/416785168484322/









LinuxPcubuntu downloaditalian




 

Ecco Chrome 56.

Finalmente Chrome arriva su Windows, macOS e Linux.


Ecco Chrome 56 finalmente, Prende il via in queste ore il rilascio dell’aggiornamento che porta Chrome 56 su computer con piattaforma Windows, macOS e Linux. Come sempre, per tutti coloro che hanno il browser già installato, l’update viene scaricato e applicato in modo automatico, mentre gli altri possono effettuare il download e l’installazione del software direttamente dalle pagine del sito ufficiale.

Una delle novità più interessanti di questa versione è quella già anticipata nelle scorse settimane, ovvero il supporto nativo alla gestione dei file FLAC, che in questo modo non richiedono un programma esterno per poter essere riprodotti quando incontrati durante la navigazione. Una feature di cui beneficeranno soprattutto gli utenti in possesso di un Mac, poiché il sistema operativo non garantisce in modo nativo la compatibilità con questo formato lossless, parecchio diffuso tra la community di audiofili per la sua elevata fedeltà dovuta alla mancanza di compressione tipica invece degli MP3.

Il gruppo di Mountain View continua inoltre a spingere HTML5 come standard per il Web, attivandolo di default per tutti (con la versione 55 la novità aveva riguardato solo una parte degli utenti). Aprendo un sito con contenuti in Flash per la prima volta, viene mostrato un avviso. Ancora, sul fronte della sicurezza, Chrome etichetta come “non sicuri” i siti HTTP che raccolgono informazioni sensibili come password o dati relativi alle carte di credito. L’obiettivo è, ovviamente, quello di forzare i webmaster ad adottare il protocollo HTTPS.

Infine, si segnala l’introduzione della Web Bluetooth API che consente alla Web app su Android, Chrome OS e macOS di comunicare con dispositivi Bluetooth LE nelle vicinanze. Una funzionalità che strizza l’occhio al futuro della Internet of Things.
Chrome 56

Per saperne di più su Linux=https://www.facebook.com/groups/416785168484322/









LinuxPcubuntu downloaditalian




La console Novatio.

La console con Linux.

Novatio avrà come sistema operativo NovOS una derivazione Debian che i programmatori di Torino hanno creato personalmente; la particolarità di questo sistema operativo è la capacità di eseguire software Windows anche su Linux, infatti sfruttando un particolare chip FPGA avrà la caratteristica unica e rivoluzionaria di poter eseguire software .exe senza l'ausilio di emulatori o di programmi come "Wine".

Questo significa che la console non è una Steam Machine, le quali limitandosi a eseguire giochi Steam compatibili con linux avevano un parco giochi limitato ed erano un fallimento già sulla carta, poi risultato anche dai dati di vendita pessimi dei primi esemplari immessi sul mercato.

Il progetto Novatio è unico, una console con un numero di giochi altissimi che non si limiterà solo ai titolo per pc, avendo implementato un sistema android il quale permetterà di giocare a molti più titoli e accedere a molti emulatori, aumentando in modo esponenziale la compatibili con diversi sistemi rendendo illimitato il parco software della console (in futuro verranno anche sviluppate delle esclusive).


Un altra caratteristica interessante della console è l'intercambiabilità dei componenti, Novatio sarà la prima console modulare al mondo, grazie a questa caratteristica resterà sempre una console aggiornata e pronta a competere con i migliori pc da gaming; volendo creare una console con linux gli ingegneri hanno pensato un pò alla filosofia di linux che si basa sull'essere open data e upgradabilità, una filosofia sulla quale si basa tutto il progetto. A tal proposito Samuele ci dice:

"Riteniamo che non sia corretto far cambiare una console ogni 5 anni agli utenti, i possessori di un pc sono avvantaggiati sotto questo punto di vista, proprio per questo abbiamo voluto trovare un metodo per far si che i futuri possessori di Novatio potessero rimanere sempre al passo con i tempi senza dover acquistare una nuova console. Il problema principale è che la maggior parte degli utenti non sanno cambiare i componenti di un pc, proprio per i meno esperti abbiamo pensato a come rendere semplice quest'operazione, lavorando con Hydra (un'azienda italiana costruttrice di case) abbiamo sviluppato degli "scompartimenti" che evidenziano i componenti e semplificano il tutto, ad esempio per sostituire la scheda video basterà premere un tasto e alzarla senza troppe complicazioni, cambiare ogni componente sarà intuitivo, inoltre sarà scritto tutto su un piccolo manuale."

Novatio è un progetto italiano destinato a cambiare un'industria e il mondo gaming per sempre, grazie alla semplicità e grande compatibilità del sistema operativo e aggiornabilità dell'hardware.

Console Novatio

Per saperne di più su Linux=https://www.facebook.com/groups/416785168484322/









LinuxPcubuntu downloaditalian

In arrivo Dirt Rally su Linux.

Ecco Dirt  Rally su Linux.

Impegnativo, con un ottimo modello di guida finalmente slegato dalla logica puramente arcade dei precedenti capitoli, DiRT Rally è un titolo davvero imperdibile per tutti gli appassionati delle quattro ruote.

Per essere veramente performanti, in DiRT Rally, la parola d’ordine è concentrazione: per risultare vincitori nei vari eventi, soprattutto nei rally e nell’hillclimb, è d’obbligo rimanere con gli occhi fissi sulla strada, e riuscire a pensare in anticipo a come affrontare una curva.

DiRT Rally può contare su una trentina di vetture divise in dieci categorie (dagli anni ’60 al 2010), e circa settanta tappe di sei eventi; per il rallycross, invece, le piste disponibili sono tre, con sei vetture. La modalità hillclimb, invece, è tutta incentrata sulla scalata al Pikes Peak, affrontabile con tre auto. La modalità carriera è la più interessante: partirete dal fondo e a forza di gareggiare conquisterete denaro utile per acquistare vetture più performanti. Dal punto di vista dei contenuti, dunque, non ci si può di certo lamentare. Il modello di guida che non è completamente simulativo, ma riesce ad offrire una sfida divertente e in alcuni tratti esaltante. Si potrebbe pensare che solo guidando le auto più veloci e potenti ci si possa divertire, ma ogni categoria di vetture riesce a regalare la propria sfida; guidare una Lancia Fulvia HF sui pietrosi rettilinei gallesi, difatti, è questione assai diversa rispetto a padroneggiare una Subaru Impreza del 2001. Non cambia solo la sensazione di velocità, o evidentemente i riferimenti che vanno utilizzati per cercare di prendere la linea migliore durante i tornanti. Le differenze si notano nella sensazione del peso della vettura, ma soprattutto nelle reazioni alle nostre sollecitazioni durante l’utilizzo del freno a mano, o nei cambi di direzione, e nelle scalate di marcia. DiRT Rally è un titolo complicato da padroneggiare, ma nei momenti in cui il navigatore dà con tempismo l’indicazione di una curva difficile, magari alla fine di un rettilineo fangoso, e si riesce a utilizzare quel minimo di freno a mano che serve a prendere un tornante come si deve, la soddisfazione si accompagnerà anche a un certa esaltazione. Come si dice in questi casi, provare per credere.


Dirt Rally

Per saperne di più su Linux=https://www.facebook.com/groups/416785168484322/









LinuxPcubuntu downloaditalian

KDE Slimbook.

Un MacBook Air con Linux.

Linux può funzionare su qualsiasi dispositivo, ma nel caso dei notebook è piuttosto complicato cercare driver compatibili, molti dei quali con licenza proprietaria. Gli utenti possono ora acquistare il KDE Slimbook, un modello con sistema operativo KDE neon, basato sulla nota distribuzione Ubuntu e disponibile in due configurazioni, entrambe con un design che ricorda chiaramente i MacBook Air di Apple.

Il notebook, realizzato dal rivenditore spagnolo Slimbook in collaborazione con la community KDE, è stato progettato per offrire agli utenti un’alternativa ai prodotti attualmente sul mercato con sistemi operativi chiusi e numerose applicazioni preinstallate (bloatware). Il KDE Slimbook possiede un telaio in alluminio e uno schermo da 13,3 pollici con risoluzione full HD (1920×1080 pixel). La dotazione hardware comprende processori Intel Core i5-6200U a 2,3 Ghz o Core i7-6500U a 2,5 GHz, 4/8/16 GB di RAM e SSD Samsung o Crucial da 120/250/500 GB.

La connettività è garantita dai moduli WiFi 802.11b/g/n/ac, Ethernet (tramite adattatore) e Bluetooth 4.1. Sono inoltre presenti una webcam, due porte USB 3.0, card reader SD/MMC, uscita mini HDMI e batteria da 6.800 mAh. La tastiera è retroilluminata. Dimensioni e peso sono 33x22x1,8 centimetri e 1,36 Kg, rispettivamente.

Il sistema operativo è KDE neon con interfaccia desktop Plasma e le KDE Applications. In futuro sarà possibile scegliere altre distribuzioni. Il prezzo della versione base con Intel Core i5, 4 GB di RAM e SSD da 120 GB è 729 euro, mentre il modello con Intel Core i7 costa 849 euro. L’arrivo sul mercato è previsto per il mese di marzo.

KDE Slimbook.

Per saperne di più su Linux=https://www.facebook.com/groups/416785168484322/









LinuxPcubuntu downloaditalian

Ubuntu 17.04.

Ubuntu 17.04 disponibile il download.

Anche se con un po’ di ritardo, è disponibile al download Ubuntu 17.04 Alpha 2, il cui rilascio era stato previsto inizialmente per lo scorso 6 Gennaio. Ad un mese esatto dal debutto della prima versione Alpha, pochi sono i cambiamenti apportati, o almeno pochi sono quelli di cui si ha effettivo riscontro nell’utilizzo base del sistema: sebbene si tratti ancora di un Alpha, il sistema ha raggiunto ora una relativa stabilità, anche se riscontrare errori o problemi vari sarà ovviamente tutt’altro che una rarità.
Ubuntu GNOME 17.04 Alpha 2

Tra le diverse flavor di Ubuntu, Ubuntu GNOME è sicuramente una delle più popolari: nella versione 17.04 Alpha 2 anche GNOME si aggiorna, arrivando alla versione 3.22, sebbene alcune applicazioni come Nautilus e GNOME Terminal si basino ancora sulla più stabile versione 3.20. Implementato il sistema di installazione Snap, che punta a diventare uno standard nei prossimi mesi e a sostituire definitivamente i pacchetti “.click”, ed il sistema Flatpak, disponibile per sistemi Linux e che permette di avviare determinate applicazioni in una sandbox protetta, isolandole dal resto del sistema.

Installato di base anche il chrome-gnome-shell system helper, che rende di più facile gestione l’installazione di plugin ed estensioni firmate GNOME su browser come Mozilla e Chrome.

Interessanti novità anche per la distro Budgie, che viene dotata di un molto user friendly splash-screen iniziale che permette all’utente di scegliere con facilità il browser predefinito. Sebbene l’applicazione di partenza per la navigazione internet sia Chromium, è possibile sin da subito selezionare un browser diverso, a scelta tra Mozilla, Chrome e Vivaldi.

La versione di Budgie implementata nella release 17.04 Alpha 2 è Budgie 10.2.9: tra le caratteristiche di tale versione segnaliamo l’utilizzo di Terminix come emulatore del terminale, mentre la scelta del video player è ricaduta sull’ottimo GNOME-MPV, a discapito del sempre meno supportato Totem.

 Ubuntu 17.04

Linux download wine 2.0.

Linux  Wine 2.0 è possibile scaricalo gratuitamente.


Chi usa Linux sicuramente conosce Wine, si tratta di un software che permette di lanciare programmi sviluppati per l’ambiente Windows su Linux e MacOS. Con il passare del tempo sempre più applicazioni vengono proposte su multi piattaforma ma vi sono casi in cui alcune di esse sono esclusiveWindows, se volete lanciarle su Linux o MAC, allora Wine fa al caso vostro.

E’ risaputo che sia Linux che Mac non sono ottimi sistemi per il gioco, per tanto molti si affidano al multi OS, creando magari una partizione dove è collocato Windows che consente appunto di giocare senza problemi o virtualizzandolo tramite appositi software come Virtualbox di cui vi parleremo prossimamente. C’è chi per evitare di installare Windows, preferisce affidarsi a programmi come Wine.

Wine non è un emulatore in quanto come suggerisce il sottotitolo stesso “Wine is Not an Emulator” non consente di emulare ma serve per eseguire applicazioni Windows su altri sistemi, il risultato finale non è perfetto ma per lo meno risolve molte problematiche. La nuova release ha visto partecipare allo sviluppo numerosi programmatori, sono ben 6.600 i cambiamenti apportati, i maggiori punti di forza sono il supporto di Microsoft Office 2013 e del 64bit sul MacOS oltre a migliore generiche tra cui la possibilità di lanciare nuove app e giochi.

Wine generalmente è localizzato nello store della propria distribuzione Linux, se avete Ubuntu potete recarvi nel centro dove sono presenti tutte le applicazioni e digitare Wine nel campo Ricerca, dopo di che cliccare su Installa e dare eventuali permessi. Al termine dell’installazione il programma è pronto per essere utilizzato, se volete installare software Windows (compatibili), vi basta cliccare due volte sull’eseguibile exe ed aprirlo con Wine.

A questo punto vedrete comparire un popup dove potete procedere all’installazione del programma come se foste nell’ambiente Windows. Ovviamente Wine nonostante permetta di installare e lanciare numerosi giochi, non è da preferire al sistema originario, per tanto vi consigliamo di utilizzarlo solo per programmi minori, qualora siete interessati al gioco e disponiate di un PC dalle prestazioni elevate, potete sempre virtualizzare il sistema o in alternativa creare una partizione dedicata.

Molti preferiscono Linux per la questione “open source” ma si sa che non è di certo il sistema più adatto per giocare.

Qua è possibile scaricarlo: https://www.winehq.org/announce/2.0



Cinque sistemi operativi da provare.

Ecco i 5 sistemi operativi che possiamo provare.

I sistemi che proveremo oggi sono sistemi noti su Linux, per di più useremo una macchina virtuale per eseguirli e quindi useremo Virtualbox.

Ecco a voi i cinque sistemi che useremo:

1) Linux Mint: Attualmente fino alla versione 18, Linux Mint ha diverse versioni disponibili. Se non lo avete già provato, l’installazione su una macchina virtuale è una buona idea, il desktop di default non richiede l’accelerazione 3D.

2) Lubuntu: Questa versione leggera di Ubuntu è disponibile da diversi anni e il fatto che occupa poco spazio la rende ideale per l’esecuzione su una macchina virtuale. Potete provare anche LXLE, Lubuntu Extra Life Extension, che è anche più leggero di Lubuntu.

3) Slackware: Mai sentito parlare di Slackware? Non importa. Rappresenta la più vecchia distribuzione e funziona senza problemi con tutte le applicazioni delle macchine virtuali.

Ideale per gli utenti avanzati di Linux – è molto vicino a UNIX – Slackware è sicuramente a un passo in avanti dai sistemi operativi standard di Linux.

Ciò significa che una macchina virtuale è l’ambiente ideale per provare Slackware, e la sua semplice installazione avviene da riga di comando.

4) Fedora: Un popolare sistema operativo Linux, Fedora è una distribuzione con un focus su software open source. Curiosamente, ha una reputazione di essere difficile da usare, ma non è proprio così.

5) Ubuntu Server: Finora, abbiamo esaminato applicazioni desktop, ma se il vostro interesse per questo tipo di distribuzione è basato su server, allora potreste considerare Ubuntu Server.

In aggiunta aggiungerei anche:

6) Deepin: E' una distribuzione Linux cinese per personal computer basata su Debian (unstable). deepin è stato sviluppato prevalentemente da Wuhan Deepin Technology Co., Ltd. ed utilizza, per impostazione predefinita, l'ambiente desktop Deepin Desktop Environment (DDE) 3.0, che è stato sviluppato usando la libreria multipiattaforma Qt; Nel sistema sono inclusi altri applicativi tra cui Deepin Music Player, Deepin Movie, Deepin Store, l'emulatore CrossOver, la suite per l'ufficio proprietaria WPS Office e la piattaforma di videogiochi proprietaria Steam della Valve Corporation.

7) OpenSUSE: E' un sistema operativo GNU/Linux sviluppato dalla comunità del Progetto openSUSE e sponsorizzato da Novell.

Novell, dopo l'acquisizione di SUSE Linux nel gennaio 2004, decise di coinvolgere la comunità nel processo di sviluppo. La versione di 10.0 di SUSE Linux, rilasciata il 6 ottobre 2005, è stata la prima a beneficiare del contributo del progetto openSUSE.

bene ragazzi sta a voi quale preferite e quale consigliate, cosi che l'utente possa iniziare a provare una di queste Distribuzioni.

La VirtualBox


The Master Linux 0.0.2.

Ecco la nuova versione di Master Linux.

Questa versione della Distribuzione Master Linux è molto intrigante rispetto alla prima versione, ci sono alcune differenze che danno la possibilità all'utente di eseguire e personalizzare questa distribuzione ed è adatta sia per gli esperti e quelli meno esperti, ed il vantaggio che ha sono i vari programmi che sono all'interno già installati dove l'utente può usarli installarli ma sopratutto usare la loro creatività.

Come sappiamo questa è una remix elaborata da Opensuse e KDE4 vediamo all'interno cosa propone di innovativo.

1) Il Logo: Finalmente Master Linux a un logo suo personale lo troviamo in questa immagine accanto al nome della distribuzione sulla sinistra.

Master Linux

2) l'installazione:
Qua vediamo che durante l'installazione oltre al piccolo logo che vediamo in alto a sinistra, vediamo un bellissimo sfondo dove viene vista una delle più grandi città del Mondo New York.

Master Linux

3) Sfondo: Qui vediamo lo stesso sfondo che c'è durante l'installazione.

Master Linux


Questo è il tutto per quanto riguarda la parte de logo e dell'interfaccia grafica:

Ora citiamo alcuni programmi che ci sono all'interno, dove sarebbe il punto forte di questa Distribuzione.

1) Amarok: è un lettore musicale per Linux e Unix con un'interfaccia intuitiva. Amarok riproduce la musica che ami più facilmente che mai – ed è pure bello da guardare. Amarok ha un eccellente supporto per lo streaming, le visualizzazioni, le dissolvenze e l'esclusivo "Navigatore del contesto" che differenzia questo lettore da altre soluzioni per KDE. Allo stesso tempo Amarok fornisce un'interfaccia molto rapida e intuitiva con un'insuperabile gestione delle scalette e un velocissimo catalogo musicale.

2) Ark: è un programma per gestire archivi di dati digitali sviluppato per l'ambiente desktop KDE. È incluso nel pacchetto kdeutils.

3) Bash: è una shell testuale del progetto GNU usata nei sistemi operativi Unix e Unix-like, specialmente in GNU/Linux.

Essa è chiamata anche Bourne shell dal nome del suo autore originario Stephen Bourne. L'espansione dell'acronimo bash, Bourne again shell, letteralmente significa un'altra shell Bourne, ma Bourne again ha la stessa pronuncia di born again, cioè rinata creando la definizione finale shell rinata.

4) Blender: è un programma libero e open source per la modellazione 3D, animazione, rendering, post-produzione, creazione interattiva e riproduzione. È disponibile per tutti i maggiori sistemi operativi sotto i termini della GNU General Public License.

5) Brasero: è un software libero di masterizzazione per sistemi operativi GNU/Linux. L'interfaccia grafica si basa su GTK+ e per la masterizzazione di CD e DVD vengono utilizzati cdrtools, growisofs e opzionalmente libburn.

Brasero è il programma di masterizzatore di CD/DVD predefinito per il desktop environment GNOME ed è coperto dalla licenza GNU General Public License.

6) Clam AntiVirus: è un anti-virus open source (GPL) oer UNIX. Fornisce una serie di utility che includono un demone multi-thread flessibile e scalabile, un'interfaccia da linea di comando ed uno strumento avanzato per l'aggiornamento automatico del database con le definizioni dei virus.

7) GNU C++: Il sistema GNU C ++ Compiler.

8) Python: è un linguaggio di programmazione ad alto livello, orientato agli oggetti, adatto, tra gli altri usi, per sviluppare applicazioni distribuite, scripting, computazione numerica e system testing. Python è spesso paragonato a Ruby, Tcl, Perl, Java, JavaScript, Visual Basic o Scheme. Fu ideato da Guido van Rossum all'inizio degli anni novanta. Il nome fu scelto per via della passione di van Rossum per i Monty Python e per la loro serie televisiva Monty Python's Flying Circus.

9) Ruby: Un linguaggio open-source dinamico che dà particolare rilevanza alla semplicità e alla produttività, dotato di una sintassi elegante, naturale da leggere e facile da scrivere.

10) SuSEfirewall2: implementa un filtro di pacchetti che protegge gli host e router, limitando cui i servizi o le reti sono accessibili sul host o tramite il router. SuSEfirewall2 utilizza l'infrastruttura filtraggio dei pacchetti iptables / netfilter per creare una regola flessibile impostato per un firewall stateful.

11) Radio Tray: è un’applicazione open source che ci consente di poter ascoltare le nostre web radio preferite direttamente da un semplice collegamento nel nostro pannello. Tra le principali caratteristiche di Radio Tray troviamo il supporto per i più diffusi formati di web radio, possiamo catalogare le nostre web radio.

12) Kalzium:  è un programma per la visualizzazione della tavola periodica degli elementi per l'ambiente desktop KDE.

Il programma contiene informazione sugli elementi chimici, incluso la massa, carica, foto, informazioni sulla scoperta, dati sulla chimica e sull'energia, e un modello dell'atomo. La tabella può essere configurata per mostrare la numerazione, la fase, e il colore degli elementi in vari modi. È possibile colorare la tabella stessa in base a varie proprietà chimiche, ad esempio per blocchi o secondo la famiglia di ogni elemento, oppure colorando gli elementi con un gradiente di colore rosso a seconda di una proprietà come il punto di ebollizione o il raggio atomico. Inoltre è disponibile un indice per date che consente di mostrare solo gli elementi scoperti fino a una data specifica.

E molte altre applicazioni interessanti, non resta che scaricarla e provarla.

Ricordiamo che è possibile anche inserire in questa distribuzione il programma "The Convert Fast TV" che trovate nel sito sulla vostra destra, sotto alla Distribuzione.

Ubuntu Software Libero

Per saperne di più su Linux=https://www.facebook.com/groups/416785168484322/









LinuxPcubuntu downloaditalian